@Tommaso | .Questo non è un Blog.



Tommaso Sorchiotti è Creative Digital Strategist o, se volete, Social Media Activist, che di per se non significa niente ma funziona sempre in riunione con i clienti.
Il ragazzo è sveglio, si applica e studia - come dicevano i suoi insegnanti a scuola - e si occupa di Digital, Branding e Social Media.
Profeta del Microblogging, del Personal Branding e del Geolocal in Italia e a detta di molti *primo tumblero italiano*, cerca di diffondere la Cultura della Rete come docente, autore, relatore, consulente.
Tommaso ha l'ambizione di arrivare prima degli altri sui Nuovi Trend di Internet e spesso, non si sa come, ci riesce.
E' connesso ad Internet per soli tre quarti della sua giornata. Cosa faccia nel resto del tempo non si sa.
Adora la cucina etnica, i cani, far sorridere le persone e sorridere quando è solo, la tecnologia hackerabile, le passeggiate nel bosco e le ciaspolate di notte, le serie tv americane, gli sport estremi che poi tanto estremi non sono, lo snowboard, il surf, il kitesurf e le tavole del genere, le sfide, le persone presuntuose e ambiziose.
Non sopporta i gattini ed Hello Kitty in particolare, le attese e le file (non più: ho trovato il trucco!), i suoni gutturali, il disordine, i superficiali e gli ipocriti, quelli che gli dicono come fare le cose, le bionde svampite e chi scrive male il suo nome.

Per saperne di più potete guardare qua

Il modo più semplice per contattarlo è l'e-mail

Recent Tweets @tommaso
Hanno meritato un Like
Meritano di essere seguiti:
Posts tagged "milano"

Heineken - The Wall of Opportunities

La performance creata da Heineken a "The Magazzini" in zona Porta Genova in occasione del fuorisalone 2013

Loft gratuito in zona Tortona per la settimana del Salone del Mobile. Ma bisogna apprezzare e avere cura di quella lampada. Io sono indeciso.

Offresi loft a Milano - Kijiji

Gli ultimi cinque minuti volano calci uattà pesantissimi, Rizzoli continua a non capire un’infiocchettatissima e sventola cartellini a cazzo del suo cane. Zanetti viene ammonito verbalmente per età non regolamentare. Cazzo, a trent’otto anni, come diavolo si permette di farsi vedere ancora in giro questo, pensa il direttore di gara ipovedente. Raus.

E siccome di partite giocate bene nel primo tempo e finite malissimo nel secondo quest’anno ne hai viste un pelo troppe, quando Rigorimovich inventa un ottimo gol a trenta secondi dall’inizio della ripresa non ti stupisci per niente. E invece c’è ancora tempo per rompergli il coolo. E per tentare i gol spettacolo da centrocampo, per dire. Al 4° sarebbe rigore per l’Inter, ma il cane di Rizzoli abbaia solo due minuti dopo su un altro fallo in area. Questa volta di Abate, per cui fare meenchiate nei derby è ormai un po’ una specialità. 2-2 di Milito, che diventa 3-2 di Milito con un altro rigore provocato da Mimiaiuaranesta, che diventa 4-2 con un missile terra-aria-coolo scagliato da Maicon sotto l’incrocio. Derby alle forze del bene, scudetto alla Juve, e se l’è meritato dai. Devono morire tutti, squadra e tifosi e financo simpatizzanti, sia chiaro, ma se lo son meritato. Quando va detto va detto. Buffon non deve più espatriare. Allegri finirà invece a far girare gli arrosticini sul barbecue di Villa Certosa vicino al vulcano finto. Stramacciò, son soddisfazioni.

Inter - Milan, 4-2: la notte in cui mezza Italia tifò per l’Inter. E Bernasconi si prese altre quattro pere - L’Antro Atomico del Dr. Manhattan

una dei migliori resoconti del derby. sì, sono ancora ubriaco. per una volta che non conta nulla. sigh.

Pisapia mayor

Pisapia mayor